Home > Textile News > Questo abito di Lanvin, apparso sulla passerella di Vogue World: Paris, nasconde un segreto che vi sveliamo oggi

Questo abito di Lanvin, apparso sulla passerella di Vogue World: Paris, nasconde un segreto che vi sveliamo oggi

Published: 2024-06-24

Un abito Lanvin a Vogue World: Paris ha svelato una delle storie più belle di questo evento. Scopriamo così che la rivista Vogue ha probabilmente dato il via alla prima collaborazione di moda

Nella parte dell'evento Vogue World: Paris dedicato agli anni Venti, ha sfilato in Place Vendôme questo abito di Lanvin, una delle tre case di moda presenti all'epoca e tuttora in attività insieme a Chanel e Patou. Un modello creato esclusivamente per questa sfilata: un bellissimo abito di lunghezza midi punteggiato da una costellazione di stelle, con una costruzione di foulard e chiffon per un leggero drappeggio che ha richiesto 800 ore di ricamo da parte di 20 artigiani della Couture. I cordoncini che scendono lungo la schiena sono appesantiti da piccoli globi che ricordano il cabochon del leggendario profumo Arpège. L'abito si ispira a un costume da bagno realizzato da Jeanne Lanvin nel 1924. Questo costume da bagno si chiama "Vogue" ed è una vera storia di moda...

Leggi anche: Vogue World Paris, guarda il red carpet completo e vota il tuo preferito! E rivedi la diretta streaming dell'evento

La storia del costume da bagno Vogue di Jeanne Lanvin, ora abito per Vogue World:Paris

L'abito di Lanvin che ha sfilato in Place Vendôme per Vogue World Paris

Torniamo a quella bella serata del giugno 1924. Il Comte de Beaumont, un aristocratico mecenate delle arti e della letteratura, organizzò "Les Soirées de Paris" al Théâtre de la Cigale (l'attuale sala concerti Cigale, nel 18° arrondissement di Parigi). Si trattava di un fantastico rave, come la Francia tra le due guerre sapeva fare, e che ha abbagliato il mondo con i suoi balli da antologia. Una serata di beneficenza - proprio come Vogue World: Paris, che oggi devolve i profitti dello spettacolo al Secours Populaire Français - che 100 anni fa andò a beneficio dell'Oeuvre d'Assistance aux Veuves de la Guerre e del Comité de Secours aux Réfugiés Russes. Per l'occasione, Etienne de Beaumont ha collaborato con la rivista Vogue France per mettere in scena un grande "spettacolo coreografico e drammatico" con tutte le star dell'epoca, da Picasso a Erik Satie, da Jean Cocteau a Georges Braque... E la moda, naturalmente! In questo ricco programma, un quadro racconta la storia di una favola di Vogue.

Programma della quotSoire de Parisquot al Thâtre de la Cigale 1924

La rivista chiese a Jeanne Lanvin di mettere in moto le sue pagine e di realizzare tutti i costumi per tre bozzetti. Il giornalista Jean Laporte riportò l'evento nel numero di luglio 1924 di Vogue France: «Le copertine di Vogue, create scenograficamente da Valentine Hugo, prendono vita e improvvisamente iniziano a danzare, come se la nostra rivista fosse caduta dalle mani di una lettrice sognatrice e le sagome di organza o di raso stessero completando una tarantella o un voluttuoso passe-pied». Vogue ha voluto collaborare con M. le Comte de Beaumont e con Paul Morand, che ha improvvisato un saggio su Le Bain de minuit. Questo trio è di grande gusto. Les Filles mal gardées, le Favori, che danze aggraziate, sboccate e romantiche che eseguono».

Queste tre pagine di danza di Vogue includono il famoso costume da bagno in Bain de Minuit, il cui passo recita: «Dopo un ballo, una coppia di ballerini è venuta a bagnarsi in un fiume. Il cavaliere si è addormentato. Un altro arriva e balla con la bagnante. Il dormiente si sveglia, si arrabbia ma poi finisce per unirsi alla loro danza».

Da allora, il costume da bagno "Vogue" si è assopito dolcemente negli archivi del Palais Galliera, protetto dalla morbidezza della carta velina. È stato risvegliato da Alber Elbaz in occasione della mostra tributo del museo a Jeanne Lanvin nel 2015, per la quale il defunto couturier era responsabile della scenografia. Il modo in cui gli abiti erano conservati gli è piaciuto così tanto che ne ha presentati alcuni in questo modo, come ha spiegato all'epoca: «Abbiamo iniziato a selezionare gli abiti dai cassetti, come bellezze addormentate che mi aspettavano. Così ci siamo lasciati andare ai sogni. Non vedevo più solo abiti, ma muse profumate che stavano per esalare nuovamente la loro fragranza. Volevo lasciarle così com'erano, piatte su tavoli di vetro. E all'improvviso sono diventati dei veri e propri gioielli, dalle forme totalmente contemporanee. Non c'era più bisogno di raccontare la storia di un'epoca, né di sapere se l'abito appartenesse a una principessa o a una contessa».
All'epoca avevamo intuito un legame con la rivista, una collaborazione tra Vogue e Jeanne Lanvin. Ma solo di recente gli archivisti di Lanvin hanno scoperto che era stato creato appositamente per questa eccezionale sfilata. In questa notte d'estate di Place Vendôme, l'abito Lanvin a Vogue World: Paris è il suo glorioso discendente a continuare la storia del costume da bagno "Vogue". E dalle "Soirées de Paris" del 1924 a Vogue World: Paris, oggi, c'è un solo percorso di stelle cadenti...

Lanvin x Vogue World Parigi dettaglio

Il giorno successivo all'evento Vogue World: Paris, l'abito che ha sfilato in passerella sarà esposto nella vetrina della boutique Lanvin al 22 di rue du Faubourg Saint-Honoré, Parigi-8e. Nella boutique sarà esposta anche una riproduzione del costume da bagno originale del 1924. Questi due modelli saranno disponibili come ordini speciali, su misura.
Reads:557